[ English ]

Censimento permanente delle istituzioni pubbliche

Il primo Censimento permanente delle istituzioni pubbliche si è chiuso nel 2016, coinvolgendo 13 mila istituzioni, con oltre 100 mila unità locali che impiegano più di 3 milioni e 300 mila dipendenti. I principali dati sono stati rilasciati a giugno del 2017. Gli ulteriori approfondimenti su struttura, organizzazione e profili di funzionamento delle istituzioni sono diffusi progressivamente nel 2018 attraverso data warehouse.

Dal 16 aprile al 1 ottobre 2018 si avvia la nuova rilevazione censuaria delle istituzioni pubbliche. I rispondenti vengono informati mediante lettera del Presidente dell’Istat e i questionari devono essere compilati on-line.

Le principali novità introdotte in questa seconda tornata censuaria sono rappresentate da alcune tematiche emergenti quali i comportamenti orientati alla performance, l’adeguamento al processo di armonizzazione contabile, la digitalizzazione e la sicurezza informatica.

Il Censimento permanente delle istituzioni pubbliche, a cadenza biennale, fornisce un quadro statisticamente dettagliato delle caratteristiche strutturali e organizzative degli enti pubblici, focalizzando l’attenzione sull’attività delle sedi territoriali e sui processi di modernizzazione della pubblica amministrazione.

La strategia del Censimento ha due elementi cardine. Il primo è l’uso di un registro statistico, realizzato dall’Istat attraverso l’integrazione di diverse fonti amministrative e statistiche. Il secondo è costituito dalla rilevazione censuaria necessaria a completare il quadro informativo, che offre un aggiornamento periodico dei dati, l’analisi in serie storica e la verificare delle informazioni presenti nel registro statistico.

Tutti i materiali utili per lo svolgimento della  rilevazione (questionari on line, guida per la compilazione, glossario, domande frequenti) sono disponibili on line.