[ English ]

Per studenti e docenti

L’Istat svolge un’intensa attività per favorire l’uso delle statistiche nelle discipline scolastiche e, più in generale, per promuovere un approccio quantitativo nella vita di tutti i giorni.

Lo sviluppo della cultura statistica si attua tramite un insieme di azioni volte ad accrescere il senso critico degli interlocutori attraverso la corretta lettura di dati e informazioni statistiche (statistical literacy). Tra gli elementi costitutivi di questo processo ci sono:

  • la promozione del paradigma della ricerca statistica (fondamentale nel processo di acquisizione della conoscenza attraverso l’osservazione empirica della realtà);
  • l’orientamento all’utilizzazione e all’applicazione dei dati e delle informazioni prodotti dalla statistica ufficiale a una pluralità di contesti conoscitivi, di decisione e di valutazione;
  • lo sviluppo di un metodo per il processo decisionale, soprattutto in condizioni di incertezza, attraverso l’uso della statistica ufficiale;
  • la conoscenza dell’insieme dei criteri che guidano l’attività dello statistico e del ricercatore;
  • la promozione della cultura del metadato;
  • l’attenzione alla qualità e alla sua “certificazione”.

Poste queste premesse, la proposta dell’Istat in tema di sviluppo della cultura statistica si articola su quattro assi:

  1. diffondere l’uso pervasivo e ragionato delle statistiche all’interno delle discipline curricolari, orientate alle materie umanistiche e alle scienze sociali, oltre che alle discipline Stem (scienze, tecnologie, ingegneria, matematica);
  2. dotare i discenti di una “cassetta degli attrezzi statistici” e a sviluppare il senso critico, il riconoscimento delle regolarità (pattern),  la capacità di sintesi (statistica) e l’abitudine a interpretare la realtà attraverso modelli;
  3. raggiungere ragazzi e ragazze al di fuori del canale scolastico, attraverso attività e modalità familiari e divertenti (gamification);
  4. sviluppare l’interesse e la literacy quantitativa e statistica degli adulti.

L’Istat organizza inoltre visite studio (presso le sedi dell’Istat o presso le scuole) volte a illustrare le principali attività dell’Istituto e del Sistema statistico nazionale (Sistan) e a stuzzicare la curiosità degli studenti per la statistica.

Per le attività su Roma scrivere a nuovegenerazioni@istat.it, mentre per visite organizzate nelle altre regioni è opportuno contattare la rete per lo sviluppo della cultura statistica sul territorio.

Coordinatori della rete:

Referenti per ciascuna regione/provincia autonoma:

Piemonte culturastat.piemonte@istat.it
Valle d’Aosta culturastat.vdaosta@istat.it
Lombardia culturastat.lombardia@istat.it
Liguria culturastat.liguria@istat.it
Provincia di Trento serv.statistica@provincia.tn.it
Provincia di Bolzano astat@provincia.bz.it
Friuli-Venezia Giulia culturastat.fvg@istat.it
Veneto culturastat.veneto@istat.it
Emilia-Romagna culturastat.er@istat.it
Toscana culturastat.toscana@istat.it
Umbria culturastat.umbria@istat.it
Marche culturastat.marche@istat.it
Lazio culturastat.lazio@istat.it
Abruzzo culturastat.abruzzo@istat.it
Molise culturastat.molise@istat.it
Campania culturastat.campania@istat.it
Puglia culturastat.puglia@istat.it
Basilicata culturastat.bas@istat.it
Calabria culturastat.calabria@istat.it
Sicilia culturastat.sicilia@istat.it
Sardegna culturastat.sardegna@istat.it

Ultima modifica: 12 febbraio 2018