Domande frequenti riguardanti Istat durante l'emergenza sanitaria

  • Ascolta questa pagina usando ReadSpeaker
  • Condividi
  • Lascia un feedback

SKIN_EVENTO

1. La raccolta dati tramite interviste dirette presso il domicilio rappresenta in questa fase di emergenza sanitaria un elemento di forte preoccupazione per le famiglie. Come l’Istat intende acquisire le informazioni necessarie alla produzione statistica?

L’Istat è consapevole del disagio e delle preoccupazioni delle famiglie in questa complessa fase dominata dall’emergenza Covid-19, pertanto sta procedendo alla riconversione di tutte le rilevazioni realizzate con tecnica CAPI (Computer Assisted Personal Interview), che prevedono la visita di un intervistatore, in tecnica CATI (Computer Assisted Telephone Interview), basate sul contatto telefonico, facendo leva dove possibile anche sull’incremento dell’utilizzo del canale web e degli strumenti digitali per rispondere agevolmente da casa (CAWI).

Si tratta di una operazione complessa sotto il profilo organizzativo, tecnologico e di eventuale revisione dei contenuti informativi raccolti attraverso le rilevazioni, che è tuttavia necessaria al fine di bilanciare le esigenze di continuità e qualità della produzione statistica con le esigenze di tutela della salute di tutti i cittadini interessati dalle rilevazioni Istat e dei rilevatori che effettuavano le indagini sul campo.


2. Quando vengono diffusi i dati demografici?

L’Istat diffonde i dati demografici con cadenza mensile, e generalmente con 4 mesi di scarto rispetto al periodo di riferimento dovuti alla raccolta dei dati presso i Comuni che ancora non sono subentrati nell’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR).


3. L’Istat ha pubblicato i dati relativi ai decessi giornalieri per tutti i mesi del 2020. I dati riguardano tutti i comuni?

Si.


4. Quanta quota di popolazione residente è compresa nei comuni i cui dati sono stati rilasciati?

Il 100%.


5. Sono disponibili dati recenti sulle cause di morte?

Il dato sulla mortalità per causa viene diffuso, nel rispetto della normativa comunitaria Regolamento (CE) N. 1338/2008, entro i 24 mesi successivi all’anno di riferimento. A dicembre 2020 sono state prodotte le statistiche di mortalità relative ai decessi verificatisi nel 2018, disponibili nella banca dati I.Stat seguendo il percorso Salute e sanità/Cause di morte. I dati sono in formato aperto e riutilizzabile.

Nella sezione del sito #IstatperilPaese sono stati rilasciati analisi e dati provvisori sui primi mesi del 2020 alla voce Cause di morte.


6. L’Istat diffonde dati sul corona virus?

L’Istat produrrà statistiche di mortalità per Covid-19 nell’ambito dell’Indagine censuaria annuale su tutti i decessi avvenuti in Italia “Indagine su decessi e cause di morte”, come previsto dal Regolamento CE n. 1338/2008 relativo alle statistiche comunitarie in materia di sanità pubblica e di salute e sicurezza sul luogo di lavoro.

Nel frattempo sono state rese disponibili alcune analisi anticipatorie sui primi mesi del 2020 basate sullo studio dei certificati individuali con le cause di morte pervenuti all’Istat. In particolare, in ordine cronologico partendo dal più recente:

  • Mortalità per causa e luogo del decesso nel periodo gennaio-aprile 2020 in confronto con gli stessi mesi del 2015-2019 – rilasciata il 15 luglio 2021.
    Aggiornamento delle tavole rilasciate il 21 aprile 2021, con i dati dei primi due mesi dell’anno: permette, oltre al confronto con la media degli anni precedenti, il confronto tra i primi due bimestri del 2020, che coprono i periodi precedenti e successivi alla prima ondata della pandemia;
  • Prima ondata della pandemia. Un’analisi della mortalità per causa e luogo del decesso – rilasciata il 21 aprile 2021.
    Il primo studio dall’inizio della pandemia che permette di analizzare dettagliatamente le cause di morte, incluso il Covid-19, di tutti i decessi registrati in Italia tra il 1° marzo e il 30 aprile 2020;
  • Impatto dell’epidemia COVID-19 sulla mortalità: cause di morte nei deceduti positivi a SARS-CoV-2 – rilasciata il 16 luglio 2020.
    Il rapporto, prodotto congiuntamente dall’Istat e dall’Istituto Superiore di Sanità, presenta un’analisi approfondita delle malattie presenti sulle schede di morte di soggetti diagnosticati microbiologicamente tramite tampone rino/orofaringeo positivo al SARS-CoV-2. Vengono approfonditi gli aspetti epidemiologici legati alla presenza di malattie che hanno contributo al decesso al fine di comprendere in quanti casi il Covid-19 sia stato effettivamente la causa principale del decesso e quale sia stato il ruolo di altre patologie coesistenti;
  • Le cause di morte nel periodo 1 marzo-15 maggio 2017 e un confronto con i decessi Covid-19 nel 2020 – rilasciata il 27 maggio 2020.
    Decessi per regione per le principali cause di morte e con malattie del sistema respiratorio nel periodo 1 marzo-15 maggio 2017 confrontati con i decessi Covid-19 nello stesso periodo nel 2020.

Queste analisi sono disponibili nella sezione del sito #IstatperilPaese alla voce Cause di morte.

Oltre ai dati per causa di morte, basati sulla raccolta di certificati cartacei individuali con le singole denunce delle cause di morte (DPR 285/1990) che pertanto comportano un flusso di produzione complesso, l’Istat mette a disposizione dati sulla mortalità complessiva giornaliera acquisiti dall’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR). I dati di mortalità registrati dai singoli comuni vengono acquisiti giornalmente nell’ambito del sistema informativo gestito dal Ministero dell’Interno e trasmessi con flusso continuo all’Istat, sulla base di un accordo di Servizio tra Istat e Ministero dell’Interno.

Anche questi dati sono disponibili nella sezione del sito #IstatperilPaese alla voce Decessi anni 2011-2021.