Violenza e accesso delle donne al pronto soccorso

  • Ascolta questa pagina usando ReadSpeaker
  • Condividi
  • Lascia un feedback

Il 24 novembre 2017 sono state adottate le linee guida nazionali rivolte alle aziende sanitarie e ospedaliere per garantire un intervento adeguato e integrato nel trattamento delle conseguenze fisiche e psicologiche che la violenza maschile produce sulla salute della donna. Le linee guida delineano un percorso per le donne che subiscono violenza, a partire dal triage ospedaliero fino al loro accompagnamento o orientamento, se consenzienti, ai servizi pubblici e privati dedicati.

Il Ministero della salute, in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità, ha realizzato una formazione su piattaforma FAD dedicata agli operatori sanitari e non (Assistenti sociali, Forze dell’ordine, Giuristi), che operano presso oppure in collegamento con il Pronto Soccorso. L’iniziativa di formazione, il cui obiettivo è quello di favorire la piena divulgazione delle “Linee Guida Nazionali”, è stata realizzata tra il gennaio e il settembre 2020 e ha visto il coinvolgimento di 26.347 professionisti e 642 Pronto Soccorso di tutte le Regioni italiane. I risultati preliminari del Corso FAD evidenziano che gli operatori coinvolti sono rappresentati per il 51,8% da operatori dell’area infermieristica-ostetrica, per il 13,7% da medici, per il 4,5% da psicologici, per il 4% da professionisti non sanitari. Il programma di formazione era stato precedentemente sperimentato, in modalità blended, nell’ambito del progetto realizzato nel 2015-2017, mirato al rafforzamento delle reti territoriali per la prevenzione e il contrasto della violenza di genere e rivolto inizialmente a 636 operatori di 28 Pronto Soccorso in 4 Regioni (Lombardia, Lazio, Campania, Sicilia).

Il Ministero della Salute, utilizzando i dati degli accessi al Pronto Soccorso (flusso informativo EMUR-PS) ha effettuato un monitoraggio a livello nazionale degli accessi delle donne vittime di violenza. I dati riguardanti gli anni 2017 – 2019, permettono di delineare il profilo delle donne che si sono dovute rivolgere al pronto soccorso a causa della violenza subita, che vengono di seguito presentati.

Questa analisi rientra nell’Accordo Istat-Ministero della Salute firmato il 20 novembre 2019 che ha per oggetto “l’alimentazione della Banca dati sulla violenza di genere con i flussi informativi sanitari”. Questo Accordo costituisce parte integrante del sistema integrato di raccolta ed elaborazione dati previsto dal Piano d’azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere, adottato con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri il 7 luglio 2015, e confermato nel Piano Nazionale sulla violenza contro le donne 2017-2020, richiesto dal Dipartimento per le Pari Opportunità presso la Presidenza del Consiglio.

Accessi al pronto soccorso con diagnosi di violenza

 Scarica l’infografica (formato pdf)

APPROFONDIMENTI