Comunicato stampa

Struttura e attività delle multinazionali estere in Italia

  • Ascolta questa pagina usando ReadSpeaker
  • Condividi
  • Lascia un feedback

Nel 2010 le imprese a controllo estero residenti in Italia sono 13.741 e occupano quasi 1,2 milioni di addetti. Al netto delle attività finanziarie e assicurative queste imprese realizzano in Italia un fatturato di 468 miliardi e un valore aggiunto di 93,5 miliardi di euro.

Le multinazionali estere contribuiscono ai principali aggregati economici nazionali con il 6,8% degli addetti, il 16,1% del fatturato, il 13,1% del valore aggiunto e il 24,4% della spesa in ricerca e sviluppo.

Rispetto al 2009, scende il numero delle imprese (-2,9%) e degli addetti (-3,1%) a fronte di un aumento del fatturato (+5,3%) e di una forte crescita del valore aggiunto (+17,9%). La crescita del fatturato e del valore aggiunto sono in linea con quella delle grandi imprese (250 addetti e oltre) residenti in Italia.

Nel periodo 2005-2010 il numero di controllate estere si è ridotto di 271 unità (-392 nell’industria e +121 nei servizi) e gli addetti sono aumentati di oltre 9 mila unità (-50 mila nell’industria e +60 mila nei servizi). Il contributo delle multinazionali estere agli aggregati economici è aumentato di 1,5 punti percentuali per il fatturato e di 2,2 punti per il valore aggiunto, mentre si è ridotto di quasi un punto per la ricerca e sviluppo.

Le grandi imprese a controllo estero sono più produttive e profittevoli di quelle a controllo nazionale: nelle prime il valore aggiunto per addetto è pari a 75 mila euro rispetto a 61 mila euro delle seconde e la redditività è, rispettivamente, del 43,9% e del 32,5%.

L’apporto delle multinazionali estere all’interscambio commerciale dell’Italia è pari al 24,6% per le esportazioni e al 44,3% per le importazioni. L’incidenza degli scambi intra-gruppo (intra-firm trade) sull’interscambio complessivo è pari al 43% per le esportazioni e al 52% per le importazioni.

Nel periodo 2005-2010, il contributo delle multinazionali estere all’interscambio commerciale è aumentato di 2,3 punti percentuali all’export e di 3,3 punti all’import. Risulta, invece, in riduzione l’incidenza della componente intra-firm sia all’export (-6 punti percentuali) sia all’import (-12 punti).

Gli Stati Uniti sono il paese con il maggiore numero di imprese e di addetti a controllo estero in Italia (2.282 imprese e oltre 257 mila addetti). Le multinazionali francesi impiegano quasi 184 mila addetti nei servizi, mentre quelle tedesche occupano nell’industria oltre 52 mila addetti.

Nell’industria si rileva una forte presenza delle multinazionali estere nella fabbricazione di prodotti farmaceutici (58,8% degli addetti del settore) e di prodotti chimici (31,0%), mentre nei servizi si contraddistinguono quelli di informazione e comunicazione (14,0% degli addetti) e il noleggio, le agenzie di viaggio e supporto alle imprese (11,8%).

Per informazioni
U.O. Statistiche sulle attività internazionali delle imprese

Manuela Trinca
Tel. 06.4673.6142
trinca@istat.it

Elisabetta Bilotta
Tel. 06.4673.6145
bilotta@istat.it

Periodo di riferimento: Anno 2010

Data di pubblicazione: 17 dicembre 2012

Download

Contatti

PER INTERVISTE, DICHIARAZIONI E CHIARIMENTI AI MEDIA
Ufficio stampa
Orario 9-19
tel. 06 4673.2243-4
contact centre per i giornalisti
ufficiostampa@istat.it

PER FORNITURA DATI ED ELABORAZIONI
Contact centre
tel. 06 4673.3227
contact centre

PER CHIARIMENTI TECNICI E METODOLOGICI
Emanuela Trinca
tel. 06 4673.6142
trinca@istat.it

Elisabetta Bilotta
tel. 06 4673.6145
bilotta@istat.it

Valentina Cava
tel. 06 4673.6191
cava@istat.it


Archivio comunicati Struttura e attività delle multinazionali estere in Italia