Comunicato stampa

La soddisfazione dei cittadini per le condizioni di vita

  • Ascolta questa pagina usando ReadSpeaker
  • Condividi
  • Lascia un feedback

L’indagine Multiscopo “Aspetti della vita quotidiana” è stata svolta  nel marzo 2011 e ha rilevato le dimensioni della soddisfazione dei cittadini. Rispetto all’anno precedente risultano sostanzialmente stabili la maggior parte delle dimensioni considerate.

Alla domanda “Attualmente, quanto si ritiene soddisfatto della sua vita nel complesso?”, potendo indicare un voto da 0 a 10 (0 indica “per niente soddisfatto” e 10 “molto soddisfatto”) la maggior parte della popolazione di 14 anni e più fornisce una risposta compresa tra 7 e 8 (51,8%), mentre il 7,6% indica la soddisfazione massima. Il voto medio è 7,1.

Sono il 50,9% del totale le famiglie che giudicano  la propria situazione economica sostanzialmente invariata rispetto all’anno precedente. Una quota consistente di famiglie (43,7 per cento) continua a dichiarare un peggioramento della propria situazione economica.

Il 49,5%  delle persone di 14 anni e più si dichiara per niente o poco soddisfatta della propria situazione economica, percentuale sostanzialmente invariata rispetto all’anno precedente.

La soddisfazione dei cittadini per le proprie relazioni familiari è tradizionalmente molto elevata nel nostro Paese. Le persone di 14 anni e più che nel 2011 si dichiarano soddisfatte per le relazioni familiari sono il 91% (di cui ben il 34,7% si ritiene molto soddisfatto).

Anche per quanto riguarda le relazioni amicali la quota degli individui soddisfatti è molto elevata (83,4%), con quote del 59% di abbastanza soddisfatti e del 24,4% di molto soddisfatti.

Relativamente al proprio stato di salute, l’81,3% della popolazione di 14 anni e più esprime un giudizio positivo (molto o abbastanza soddisfatto), mentre il 12,7% è poco soddisfatto e le persone per nulla soddisfatte sono pari al 4,1%. Rispetto al 2010 il dato è rimasto sostanzialmente stabile.

Per quanto riguarda il tempo libero, a dichiararsi molto o abbastanza soddisfatto è il 64,1% della popolazione, una porzione molto più bassa che nel caso degli altri aspetti della vita quotidiana già considerati.

Alla domanda “Lei generalmente pensa che si possa fidare della maggior parte della gente oppure bisogna stare molto attenti?”, la maggior parte degli intervistati risponde con un atteggiamento di cautela verso il prossimo: Il 76,8% delle persone pensa infatti che “bisogna stare molto attenti” nei confronti degli altri, mentre solo il 21,1% è orientato ad un atteggiamento di fiducia e circa il 2% non esprime un opinione al riguardo.

I problemi maggiormente sentiti dalle famiglie nella zona in cui abitano sono il traffico (41,2%), la difficoltà di parcheggio (38%), l’inquinamento dell’aria (36,8%), il rumore (32,6%), il non fidarsi a bere acqua dal rubinetto (30%), la sporcizia nelle strade (29,1%), la difficoltà di collegamento con i mezzi pubblici (28,6%) e il rischio di criminalità (26,6%), mentre l’irregolarità nell’erogazione dell’acqua è considerata un problema dal 9,3 per cento delle famiglie.

Periodo di riferimento: Anno 2011

Data di pubblicazione: 08 novembre 2011

Allegati

Contatti

PER INTERVISTE, DICHIARAZIONI E CHIARIMENTI AI MEDIA
Ufficio stampa
Orario 9-19
tel. 06 4673.2243-4
contact centre per i giornalisti
ufficiostampa@istat.it

PER FORNITURA DATI ED ELABORAZIONI
Centro diffusione dati
tel. 06 4673.3227
contact centre