Statistica sperimentale

Popolazione insistente per studio e lavoro

  • Ascolta questa pagina usando ReadSpeaker
  • Condividi
  • Lascia un feedback

Gli studi sulle modalità insediative della popolazione e sulle dinamiche dell’urbanizzazione mostrano come nelle città convivano, assieme alla popolazione residente, altre popolazioni che utilizzano gli stessi spazi con modalità e tempi propri: sono individui che, pur non essendo residenti, vi si recano con differenti motivazioni (studio, lavoro, turismo, viaggi, ecc.), con diversa frequenza (giornaliera, periodica, occasionale) e con diversi tempi di permanenza.

La popolazione insistente in una data area è composta da sottopopolazioni di residenti, di lavoratori, studenti e city users. Differisce tanto più dalla popolazione iscritta in anagrafe quanto più l’area in questione è attrattiva o repulsiva: le persone che si muovono verso le città sedi di servizi o di attività produttive cambiano la fisionomia sia del luogo di origine che di quello di destinazione, e generano concorrenza tra la popolazione dei residenti e quella dei non residenti nell’uso/consumo di risorse e di servizi.

La quantificazione della popolazione insistente notturna e diurna è storicamente uno dei gap informativi per i quali la demografia ha cercato soluzioni. Le città attrattive, come quelle universitarie o a vocazione economica, subiscono una pressione antropica che si traduce in domanda di servizi, consumo di energia, di suolo, ecc. Poter rispondere a domande quali: “Quante sono queste persone?”, “Da dove vengono?”, “Quali sono le loro principali caratteristiche?” sarebbe utile per il dimensionamento dei servizi collettivi, del fabbisogno abitativo delle città e del loro hinterland, come pure per i piani di prevenzione e intervento in caso di calamità naturali.

L’Istat contribuisce al processo di conoscenza sul fenomeno proponendo, attraverso la statistica sperimentale su “Popolazione insistente per studio e lavoro”, un set di dati volti a quantificare e caratterizzare la popolazione insistente diurna e a studiarne la distribuzione sul territorio. Il documento di testo e l’allegato statistico descrivono il sistema informativo – realizzato tramite l’integrazione di fonti amministrative e registri statistici – e propongono delle elaborazioni sui dati relativamente a specifici domini territoriali.

Periodo di riferimento: Anno 2016

Data di pubblicazione: 09 marzo 2020

Allegati

Statistiche sperimentali

Statistiche sperimentali Cosa sono le statistiche sperimentali?

FEEDBACK
Vi invitiamo a lasciare osservazioni, commenti e suggerimenti sulle nostre statistiche sperimentali.
Potete inviare una email a:
statistiche-sperimentali@istat.it