[ English ]
Comunicato stampa

Prezzi al consumo

  • Ascolta questa pagina usando ReadSpeaker
  • Condividi
  • Lascia un feedback

Nel mese di maggio 2013, l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registra una variazione nulla rispetto al mese precedente e aumenta dell’1,1% nei confronti di maggio 2012 (la stima provvisoria era +1,2%).

La stabilità dell’inflazione è il risultato di spinte al rialzo e al ribasso dei prezzi di diverse tipologie di prodotti, che si compensano tra loro, in un quadro generale di attenuazione delle tensioni inflazionistiche.

Le spinte al rialzo dei prezzi interessano sia gli alimentari non lavorati (in particolare la frutta fresca, +6,8% su base mensile, +9,4% rispetto a maggio 2012) sia i servizi relativi ai trasporti (+0,5% su base mensile, +3,3% su base annua). Le spinte al ribasso riguardano i Beni energetici (-1,7% su base mensile, -2,4% su base annua), trainati dai carburanti.

Rispetto alla stima provvisoria, la minore inflazione misurata dai dati definitivi si deve a un’ampiezza meno marcata delle spinte al rialzo e a un consolidamento di quelle al ribasso dei prezzi dei prodotti interessati da dinamiche congiunturali intense.

L’inflazione acquisita per il 2013 è pari all’1,0%. A maggio l’inflazione di fondo, calcolata al netto dei beni energetici e degli alimentari freschi, sale all’1,3% (era +1,2% ad aprile).

Al netto dei soli beni energetici, la crescita tendenziale dell’indice dei prezzi al consumo si porta all’1,5% (dall’1,3% del mese precedente).

Rispetto a maggio 2012, il tasso di crescita dei prezzi dei beni scende allo 0,8% dallo 0,9% di aprile, mentre quello dei prezzi dei servizi sale all’1,7% (era +1,4% nel mese precedente). Pertanto, il differenziale inflazionistico tra servizi e beni si amplia di quattro decimi di punto percentuale rispetto ad aprile.
I prezzi dei prodotti acquistati con maggiore frequenza diminuiscono dello 0,1% su base mensile e crescono dell’1,5% su base annua, come ad aprile.

A maggio 2013, l’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) non varia su base mensile e fa registrare un tasso di crescita tendenziale stazionario all’1,3%, confermando le stime preliminari.

L’indice IPCA a tassazione costante (IPCA-TC) non varia sul piano congiunturale e aumenta dell’1,1% su quello tendenziale.

L’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI), al netto dei tabacchi, registra una variazione nulla su base mensile e cresce dell’1,2% su base annua.

Nota: Il 26 giugno 2013, il Comunicato stampa ‘Prezzi al consumo – dati definitivi di maggio 2013’ è stato sostituito a seguito della rettifica di alcuni dati relativi agli indici NIC per le città capoluogo di regione. I dati rettificati sono opportunamente segnalati nel testo.

Periodo di riferimento: Maggio 2013

Data di pubblicazione: 12 giugno 2013

Allegati

Contatti

PER INTERVISTE, DICHIARAZIONI E CHIARIMENTI AI MEDIA
Ufficio stampa
Orario 9-19
tel. 06 4673.2243-4
contact centre per i giornalisti
ufficiostampa@istat.it

PER FORNITURA DATI ED ELABORAZIONI
Centro diffusione dati
tel. 06 4673.3102-3-5-6
contact centre

PER CHIARIMENTI TECNICI E METODOLOGICI
Rosabel Ricci
roricci@istat.it
tel. 06 4673.2659

Federico Polidoro
tel. 06 4673.2307
polidoro@istat.it


Link utili

Indici per aggiornare affitti e assegni familiari

Rivaluta per calcolare le rivalutazioni monetarie