Comunicato stampa

Prezzi delle abitazioni (dati provvisori)

  • Ascolta questa pagina usando ReadSpeaker
  • Condividi
  • Lascia un feedback

Con la diffusione dei dati del secondo trimestre 2012, l’Istat avvia la pubblicazione dell’indice dei prezzi delle abitazioni (IPAB) acquistate dalle famiglie sia per fini abitativi sia  per investimento. La pubblicazione dell’IPAB avviene nell’ambito di un progetto europeo mirato alla produzione di indici dei prezzi degli immobili residenziali come previsto da un Regolamento europeo di prossima emanazione.

L’indice complessivo dei prezzi delle abitazioni è la sintesi degli indici relativi a due aggregati distinti: acquisti di abitazioni nuove e acquisti di abitazioni esistenti. I nuovi indici sono pubblicati a partire dal primo trimestre 2010 e sono espressi in base di riferimento 2010=100.

Nel secondo trimestre 2012, sulla base delle stime preliminari, l’indice dei prezzi delle abitazioni registra una diminuzione dello 0,4% rispetto al trimestre precedente e dell’1,7% rispetto allo stesso periodo del 2011.

L’indice dei prezzi delle abitazioni nuove aumenta dello 0,5% su base congiunturale e del 2,8% su base annua. L’indice dei prezzi delle abitazioni esistenti diminuisce dello 0,8% sul trimestre precedente e del 3,6% rispetto allo stesso trimestre del 2011.

In media, nel primo semestre dell’anno in corso, i prezzi delle abitazioni diminuiscono dello 0,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, sintesi di un aumento del 3,1% dei prezzi delle abitazioni nuove e di una diminuzione del 2,7% dei prezzi di quelle esistenti.

Argomento: Tag: Tipo di documento: id:73207

Periodo di riferimento: I trimestre 2010 – II trimestre 2012

Data di pubblicazione: 24 ottobre 2012

Download

Contatti

PER INTERVISTE, DICHIARAZIONI E CHIARIMENTI AI MEDIA
Ufficio stampa
Orario 9-19
tel. 06 4673.2243-4
contact centre per i giornalisti
ufficiostampa@istat.it

PER FORNITURA DATI ED ELABORAZIONI
Contact centre
tel. 06 4673.3102
contact centre


Rivaluta. Il sistema per calcolare le rivalutazioni monetarie