[ English ]
Comunicato stampa

Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società

  • Ascolta questa pagina usando ReadSpeaker
  • Condividi
  • Lascia un feedback

Con la pubblicazione dei dati del terzo trimestre del 2011, l’Istat diffonde le nuove serie storiche elaborate in base alla classificazione delle attività economiche Ateco 2007, coerenti con i Conti annuali per settore istituzionale aggiornati per il periodo 1995-2010 e pubblicati contestualmente.

Nel terzo trimestre del 2011 la propensione al risparmio delle famiglie si è attestata all’11,6%, in lieve diminuzione (-0,1 punti percentuali) sia rispetto al trimestre precedente che al terzo trimestre del 2010. La modesta riduzione congiunturale del tasso di risparmio è il risultato di una crescita del reddito disponibile (+0,3%) leggermente più contenuta rispetto alla dinamica della spesa per consumi finali (+0,4%) espressa in valori correnti.

Rispetto al terzo trimestre del 2010, il reddito disponibile delle famiglie in valori correnti è aumentato del 2,7%, a fronte di una crescita del 2,8% della spesa delle famiglie per consumi finali.

Il potere di acquisto delle famiglie (cioè il reddito disponibile delle famiglie in termini reali) è diminuito dello 0,3% rispetto al trimestre precedente e dello 0,1% rispetto al corrispondente trimestre del 2010.

Il tasso di investimento delle famiglie nel terzo trimestre 2011 si è attestato all’10%, invariato rispetto al trimestre precedente ma in lieve diminuzione (-0,1 punti percentuali) rispetto al terzo trimestre del 2010.

Nel terzo trimestre 2011 la quota di profitto delle società non finanziarie si è attestata al 41,3%, in aumento di 0,3 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. Il risultato lordo di gestione ha registrato una crescita dello 0,5%, a fronte di una leggera riduzione del valore aggiunto (-0,3%). In termini tendenziali il tasso di profitto si è ridotto di 1,2 punti percentuali, per effetto di una riduzione del risultato lordo di gestione (-1,7%), mentre il valore aggiunto ha registrato un aumento dell’1,3%.

Nel terzo trimestre 2011 il tasso di investimento delle società non finanziarie è stato pari al 22,8%, mostrando una lieve diminuzione (-0,2 punti percentuali) rispetto al trimestre precedente, riportandosi sul livello registrato nel terzo trimestre del 2010.

Periodo di riferimento: III trimestre 2011

Data di pubblicazione: 13 gennaio 2012

Allegati