Informazioni sulla rilevazione

Rilevazione sulla struttura delle retribuzioni e del costo del lavoro. Edizione RCL – LCS

Che cos’è

Nel quadro del Sistema europeo delle statistiche su retribuzioni e costo del lavoro, la Rilevazione sulla Struttura delle retribuzioni e del costo del lavoro è una indagine con due edizioni,  armonizzate a livello comunitario dal Regolamento (CE) n. 530/1999 del Consiglio e relativi regolamenti attuativi, che si alternano ogni due anni: una con focus sulle componenti del costo del lavoro per impresa/istituzione (edizione Labour Cost Survey – LCS) ed una con un focus sulle informazioni retributive relative ai singoli lavoratori dipendenti (edizione Structure of Earning Survey – SES). Con riferimento all’edizione in corso della LCS relativa all’anno 2016, i fenomeni osservati sono quelli definiti dal Regolamento (CE) n. 1737/2005 della Commissione: per la rilevazione dei dati è stata adottata una differente metodologia e cioè una indagine diretta assistita dall’utilizzo dei dati amministrativi per il settore privato e l’uso diretto dei dati amministrativi provenienti da fonti diverse per il settore pubblico.

Chi risponde

Per il settore privato, le unità di rilevazione sono le imprese con almeno 10 dipendenti attive nell’industria (sezioni da B ad S della classificazione Ateco 2007). Il campione dell’indagine include circa 21.000 imprese. La rilevazione è totale per le imprese con 250 dipendenti ed oltre, mentre è campionaria per le imprese che hanno un numero di dipendenti tra 10 e 249. Il disegno di campionamento è a uno stadio stratificato (con selezione casuale delle unità).

Per la compilazione del questionario, in cui vengono richieste informazioni sulla struttura dell’orario di lavoro e sulla struttura del costo del lavoro a livello di impresa è utile coinvolgere un responsabile dei dati sul personale oppure un consulente del lavoro, esperti in materia di “paghe e personale” oppure di “contabilità e bilancio”.

Alle imprese è inviata una lettera a firma del Presidente dell’Istat che illustra le finalità e le modalità di esecuzione dell’indagine, il periodo della raccolta dati e i principali riferimenti normativi. La suddetta lettera è inviata tramite pec.

Qual è il periodo di rilevazione

L’edizione RCL-LCS è svolta con cadenza quadriennale. I dati possono essere trasmessi a partire dal mese di ottobre. Si chiede che la risposta arrivi entro il 12 marzo 2018 al fine di poter rispettare le scadenze dei regolamenti europei.

Come fornire i dati e le informazioni richieste

Per la raccolta dei dati è stato predisposto un questionario da compilare on line (tecnica Computer Assisted Web Interview) collegandosi al Portale statistico delle imprese, il sistema introdotto dall’Istat per la semplificazione degli adempimenti statistici delle imprese coinvolte nelle rilevazioni economiche, utilizzando le credenziali trasmesse all’impresa tramite pec. Il modello di rilevazione è suddiviso in due sezioni, la sezione “Ore, retribuzione e costo del lavoro” che si compone di due pagine  in cui vengono richieste informazioni relative a numero di dipendenti; ore retribuite; retribuzioni lorde, contributi sociali e altre componenti del costo del lavoro relative al costo del lavoro; ed una seconda sezione che contiene quesiti sulla “Contrattazione collettiva e decentrata”.

Come consultare i risultati dell’indagine

Gli indicatori prodotti integrando i dati raccolti dall’indagine su orari di lavoro, retribuzioni e costo del lavoro vengono diffusi in Italia con comunicati stampa e tavole di dati e sono disponibili nel data warehouse I.Stat al tema “Lavoro e retribuzioni/Occupazione dipendente e retribuzioni”. Indicatori relativi all’indagine RCL-LCS sono disponibili nella banca dati Eurostat. Per quanto riguarda i metadati della rilevazione, in particolare il contenuto informativo e le attività di prevenzione, controllo e valutazione dell’errore, si può consultare il sistema informativo sulla qualità SIQual.

Obbligo di risposta

Questa indagine è prevista dal Programma statistico nazionale (codice IST-01203) ed è quindi una rilevazione statistica d’interesse pubblico. L’Istat è tenuto a svolgerla per legge. L’obbligo di risposta per questa rilevazione è sancito dall’art. 7 del d.lgs. n. 322/1989 e dal DPR 30 agosto 2016 di approvazione del Programma statistico nazionale  2014-2016. Aggiornamento 2016 recante l’elenco delle rilevazioni statistiche per le quali sussiste l’obbligo per i soggetti privati di fornire i dati e le notizie che vengono loro richiesti, prorogato dal decreto legge 30 dicembre 2016, n. 244, convertito con modificazioni dalla legge 27 febbraio 2017, n. 19. La Rilevazione è inoltre inserita nel Programma statistico nazionale 2017-2019, in corso di approvazione, che comprende le rilevazioni statistiche d’interesse pubblico.

Sanzioni

Le sanzioni amministrative in caso di violazione dell’obbligo di risposta saranno applicate ai sensi degli artt. 7 e 11 del d.lgs. n. 322/1989, e del D.P.R . 30 agosto 2016 prorogato dal decreto legge 30 dicembre 2016, n. 244, convertito con modificazioni dalla legge 27 febbraio 2017, n. 19.

Tutela della riservatezza

I dati raccolti nell’ambito della presente rilevazione, tutelati dal segreto statistico e, nel caso di dati personali, sottoposti alla normativa sulla protezione di tali dati, potranno essere utilizzati, anche per successivi trattamenti, esclusivamente per fini statistici dai soggetti del Sistema statistico nazionale ed essere messi a disposizione della Commissione europea (Eurostat); essi potranno, altresì, essere comunicati per finalità di ricerca scientifica alle condizioni e secondo le modalità previste dall’art. 7 del Codice di deontologia per i trattamenti di dati personali effettuati nell’ambito del Sistema statistico nazionale e dal Regolamento (UE) n. 557/2013 della Commissione. I medesimi dati saranno diffusi in forma aggregata, in modo tale che non sia possibile risalire ai soggetti che li forniscono o ai quali si riferiscono.

Titolare dei dati e responsabile del trattamento

Ai sensi degli artt. 28 e 29 del decreto legislativo n. 196/2003, titolare del trattamento dei dati personali raccolti con la presente indagine è l’Istat – Istituto nazionale di statistica, Via Cesare Balbo, 16 – 00184 Roma e responsabili del trattamento per l’Istat sono, per le fasi del processo statistico di rispettiva competenza, il Direttore centrale per le statistiche sociali e il censimento della popolazione e il Direttore centrale per la raccolta dati dell’Istat. A quest’ultimo è possibile rivolgersi anche per conoscere l’elenco completo dei responsabili del trattamento dei dati personali per le attività svolte dalle società incaricate di svolgere le interviste e per quanto riguarda l’esercizio dei diritti dell’interessato (art. 7 del decreto legislativo n. 196/2003).

Contatti

Per assistenza tecnica per l’accesso e la navigazione del Portale delle imprese e per le modalità di compilazione del questionario:
Numero verde 800.961.985 dal lunedì al venerdì 9:00-13:00 e 14:00-19:00
portaleimprese@istat.it (specificare nell’oggetto il codice indagine e il codice impresa)

Per informazioni sui contenuti del questionario:
costolav@istat.it

Per informazioni sulla conduzione della raccolta dati:
rdc-strutturali@istat.it

Periodo di riferimento: Anno 2016

Data di pubblicazione: 17 ottobre 2017

Allegati