La popolazione legale del 15° Censimento della popolazione

Al 9 ottobre 2011, data di riferimento del 15° Censimento generale della popolazione e delle abitazioni, la popolazione residente in Italia ammonta a 59.433.744 unità.

Rispetto al 2001 (56.995.744 residenti) l'incremento è del 4,3%, da attribuire esclusivamente alla componente straniera: i cittadini stranieri risultano in crescita in tutte le regioni della Penisola, mentre gli italiani diminuiscono nel Mezzogiorno oltre che in Piemonte, Liguria e Friuli-Venezia Giulia.

Nel periodo intercensuario i maggiori incrementi di popolazione si rilevano nelle regioni del Centro-Nord; mentre nelle regioni del Sud e delle Isole si registrano incrementi lievi o perdite di popolazione.

La popolazione censita, pubblicata in Gazzetta Ufficiale n. 209 del 18 dicembre 2012, diviene riferimento legale per il Paese fino alla successiva rilevazione censuaria ed è perciò definita "popolazione legale", salvo che non intervengano modifiche dipendenti da eventuali variazioni territoriali nella circoscrizione comunale, posteriori alla suindicata data del 9 ottobre 2011.

Sul data warehouse I.Stat (alla voce Censimento popolazione e abitazioni 2011) sono disponibili i dati definitivi relativi alla popolazione residente per comuni, sesso, anno di età e cittadinanza (italiana e straniera).

Sintesi dei risultati


Cartella stampa


Scarica l’app per smartphone “Censimento della popolazione”

tag:
anagrafe, censimenti, censimento popolazione, comuni, demografia, popolazione residente, sezione di censimento, stranieri, trasferimenti di residenza
argomento:
Popolazione e famiglie
tipo di documento:
Comunicato stampa
Periodo di riferimento
Anno 2011
Data di pubblicazione
19 dicembre 2012
Contatti

Il numero verde gratuito e la casella di posta elettronica non sono più attivi dal 1° marzo 2012. Per informazioni rivolgersi al Centro di raccolta del comune di residenza.

Sito web
censimentopopolazione.istat.it

Ufficio stampa
tel. 06 4673.2243-4


Archivio comunicati
Censimento popolazione 2011

No

Per informazioni scrivi a comunica@istat.it