Stabilizzazione dei lavoratori dell'Istat: dichiarazione del Presidente Giorgio Alleva

"I lavoratori a tempo determinato dell'Istat rappresentano un valore per l’Istituto e una risorsa di qualità per la Pubblica Amministrazione. Si tratta di 350 ricercatori selezionati con cura e attenzione, grazie ad un rigoroso concorso pubblico, per poter realizzare il nuovo Censimento permanente della popolazione, progetto che consentirà notevoli risparmi rispetto al censimento tradizionale. Questi ricercatori hanno tutti contratti con scadenza alla fine del 2017.

Non a caso, anche l’audit condotto a livello europeo circa un anno fa si è chiuso con una forte indicazione ad affrontare una volta per tutte il tema della loro collaborazione, nell’ottica di continuità richiesta dalla natura del censimento permanente: un’innovazione epocale da un punto di vista metodologico e organizzativo, la cui sperimentazione si conclude quest'anno e che prevede che le operazioni di campo abbiano inizio nei primi mesi del 2018.

Il piano operativo del censimento permanente in corso di elaborazione, che dovrà essere accompagnato da uno specifico procedimento normativo nei prossimi mesi, può basarsi esclusivamente su risorse certe dell’Istituto. Senza la stabilizzazione del 20% dei dipendenti dell’Istituto, i più giovani, reclutati e formati per un progetto innovativo, l’Istituto non potrà procedere (o rischia fortemente di non poter procedere) alla realizzazione del Censimento permanente della popolazione. Un’operazione che prevede un risparmio di almeno 200 milioni di euro rispetto all’edizione precedente e soprattutto la diffusione di un'informazione annuale anziché decennale sulla popolazione comunale residente e abitualmente dimorante.

In questi mesi abbiamo avuto modo di spiegare ai nostri interlocutori istituzionali le ragioni di quanto necessaria e urgente sia la loro assunzione in pianta stabile, che auspichiamo possa realizzarsi anche alla luce del fatto che l'Istat si è messo nelle condizioni di poterla autofinanziare senza oneri aggiuntivi per le casse dello Stato. Confidiamo pertanto in una soluzione positiva della vicenda in sede di conversione del decreto Milleproroghe.

Siamo, infatti, convinti che le Istituzioni e il Governo abbiano ben chiaro che l’iter per la stabilizzazione del personale dell'Istat con contratto a tempo determinato vada concluso al più presto possibile per consentire all’istituto di procedere lungo il percorso d'innovazione che consentirà di aumentare l’offerta pubblica di informazione statistica riducendone i costi".

tag:
nota per la stampa, pubblica amministrazione, ricercatori
tipo di documento:
Comunicato stampa
Data di pubblicazione
13 febbraio 2017
Contatti

Sportello per i giornalisti
tel. 06 4673.2243-4
contact centre
ufficiostampa@istat.it

Centro diffusione dati
tel. 06 4673.3102-3-5-6
contact centre

No

Per informazioni scrivi a comunica@istat.it