English
Extra-Eu foreign trade

Stima preliminare del commercio estero con i paesi extra Ue

A dicembre, entrambi i flussi commerciali con i paesi extra Ue registrano una flessione congiunturale, meno marcata per l'export (-0,4%) rispetto all'import (-1,3%).

La flessione congiunturale delle esportazioni riguarda tutti i principali raggruppamenti di prodotti, con l'eccezione dell'energia (+10,4%) e dei beni strumentali (+2,9%). Il calo delle vendite risulta particolarmente accentuato per i beni di consumo durevoli (-8,1%).

La diminuzione congiunturale delle importazioni è limitata all'energia (-6,0%) e ai beni di consumo non durevoli (-1,2%). Gli altri raggruppamenti di beni, in particolare i beni strumentali (+4,4%) e i prodotti intermedi (+3,6%), risultano invece in espansione.

Nell'ultimo trimestre la dinamica congiunturale delle esportazioni è positiva (+0,7%), trainata dai beni strumentali (+2,5%) e dai beni di consumo durevoli (+1,9%), mentre la flessione delle importazioni (-4,6%) è particolarmente accentuata per i beni di consumo durevoli (-9,3%) e per l'energia (-7,1%).

Su base annua, le esportazioni mostrano una contenuta espansione (+1,5%) mentre le importazioni presentano una marcata flessione (-7,0%).

A dicembre il saldo commerciale con i paesi extra Ue è ampiamente positivo (+3,3 miliardi) e consente di conseguire un avanzo nell'interscambio annuale di 2,1 miliardi.

L'avanzo commerciale con i paesi extra UE rilevato per il 2012 è sostenuto dall'ampio surplus registrato per i prodotti non energetici, quasi raddoppiato rispetto all'anno precedente (da 39,1 miliardi nel 2011 a 64,3 miliardi). In particolare, l'avanzo conseguito per i beni strumentali spiega quasi il 70% del surplus dei beni non energetici.

Nel 2012 si rileva una significativa espansione delle vendite di beni ai paesi extra UE (+9,2%) e una contrazione degli acquisti (-3,9%).

I mercati di sbocco più dinamici nel 2012 sono stati: OPEC (+24,6%), Giappone (+19,1%), ASEAN (+18,5%) e Stati Uniti (+16,8%). Sempre nel 2012, la flessione tendenziale degli acquisti è diffusa a tutti i principali mercati, con l'eccezione di OPEC (+19,7%) e Russia (+8,4%).

tag:
commercio estero extra ue, esportazioni, importazioni, statistica flash
argomento:
Commercio estero
tipo di documento:
Comunicato stampa
Periodo di riferimento
Dicembre 2012
Data di pubblicazione
23 gennaio 2013
Testo integrale
(pdf 368 KB)
Serie storiche
(zip 24 KB)
Nota metodologica
(pdf 103 KB)
Contatti

Mariagloria Narilli
tel. 06 4673.6671
narilli@istat.it

Sportello per i giornalisti
tel. 06 4673.2243-4
contact centre
ufficiostampa@istat.it

Centro diffusione dati
tel. 06 4673.3102-3-5-6
contact centre


Archivio comunicati commercio estero extra Ue
Datawarehouse

I.Stat

No

Per informazioni scrivi a comunica@istat.it