English
Integration of migrants on the labour market

L’integrazione degli stranieri e dei naturalizzati nel mercato del lavoro

L'Istat presenta i principali risultati dell'approfondimento tematico sull'integrazione di stranieri e naturalizzati nel mercato del lavoro, rilevato nel secondo trimestre del 2014 nell'ambito della Rilevazione sulle forze di lavoro, con nuovi contenuti rispetto a quello realizzato nel 2008. I temi dell'approfondimento sono il livello di integrazione nel mercato del lavoro e gli eventuali ostacoli incontrati.

Nel secondo trimestre 2014 gli stranieri rappresentano l'8,6% della popolazione residente di 15-74 anni, i naturalizzati italiani l'1,3%. La ricerca di un lavoro è il motivo della migrazione in Italia per il 57% degli stranieri nati all'estero e per un terzo dei naturalizzati.

Dal 2008 al 2014 il tasso di occupazione degli stranieri ha subìto una contrazione di 6,3 punti, molto più accentuata rispetto a quella dei naturalizzati e degli italiani dalla nascita (-3,0 e -3,3 punti, rispettivamente). Al contempo, il tasso di disoccupazione degli stranieri è quasi raddoppiato rispetto a sei anni prima (+7,1 punti rispetto a +5,2 per gli italiani dalla nascita).

Nel secondo trimestre 2014, il 59,5% degli stranieri ha trovato lavoro grazie al sostegno della rete informale di parenti, conoscenti e amici (38,1% i naturalizzati, 25% gli italiani).

Il 29,9% degli occupati stranieri 15-74enni dichiara di svolgere un lavoro poco qualificato rispetto al titolo di studio conseguito e alle competenze professionali acquisite, percentuale che scende al 23,6% tra i naturalizzati e all'11,5% tra gli italiani.

Più spesso degli uomini le donne percepiscono di svolgere un lavoro poco adatto al proprio titolo di studio e alle competenze maturate, soprattutto quando si tratta di straniere (sono stimate circa quattro occupate su dieci). Polacche, ucraine, filippine, peruviane, moldave e romene sono le più penalizzate.

Non essere italiano dalla nascita rappresenta un ostacolo per trovare un lavoro, o un lavoro adeguato, per il 36,2% degli stranieri e il 22% dei naturalizzati. La scarsa conoscenza della lingua italiana (33,8%), il mancato riconoscimento del titolo di studio conseguito all'estero (22,3%) e i motivi socio-culturali (21,1%) sono i tre ostacoli maggiormente indicati dal campione intervistato.

Per informazioni
Istruzione, formazione e lavoro

Federica Pintaldi
tel. 06 4673.4560
pintaldi@istat.it

Eugenia De Rosa
tel. 06 4673.4544
eugenia.derosa@istat.it

Cristiano Marini
tel. 06 4673.4714
cristiano.marini@istat.it

Elisa Marzilli
tel. 06 4673.4818
marzilli@istat.it

tag:
disoccupati, famiglia, formazione, forze di lavoro, immigrati, inattivi, integrazione, lavoro, migrazioni, occupati, occupazione, posizioni lavorative, retribuzioni, statistica report, stranieri
argomento:
Lavoro e retribuzioni, Popolazione
tipo di documento:
Comunicato stampa
Periodo di riferimento
II trimestre 2014
Data di pubblicazione
28 dicembre 2015
Contatti

Sportello per i giornalisti
tel. 06 4673.2243-4
contact centre
ufficiostampa@istat.it

Centro diffusione dati
tel. 06 4673.3102-3-5-6
contact centre

No

Per informazioni scrivi a comunica@istat.it