Rilevazione degli incidenti stradali con lesioni a persone: informazioni sulla rilevazione

Che cosa è
La rilevazione riguarda gli incidenti stradali verificatisi nell'arco di un anno solare sull'intero territorio nazionale, verbalizzati da un'autorità di polizia, che hanno causato lesioni alle persone (morti entro il 30° giorno e feriti). La rilevazione ha come riferimento normativo la Decisione del Consiglio europeo n. 704 del 30 novembre 1993 relativa alla creazione di una banca di dati comunitaria sugli incidenti stradali.

Strutture di riferimento
La Direzione Centrale per la raccolta dati è responsabile dell'acquisizione dei dati e la Direzione Centrale per le statistiche sociali e il censimento della popolazione per i contenuti informativi e per l'analisi dei dati.

Come vengono raccolti i dati
L'informazione statistica sull'incidentalità è raccolta dall'Istat mediante una rilevazione totale a cadenza mensile.
L'unità di rilevazione è il singolo incidente stradale. La rilevazione è riferita al momento in cui l'incidente si è verificato. Le variabili rilevate riguardano i principali aspetti del fenomeno: data e località dell'incidente, organo di rilevazione, localizzazione dell'incidente, tipo di strada, segnaletica, fondo stradale, condizioni meteorologiche, natura dell'incidente, tipo di veicoli coinvolti, circostanze dell'incidente, conseguenze dell'incidente alle persone.
Per la raccolta dei dati e il monitoraggio delle informazioni sull’incidentalità stradale, l'Istat ha sottoscritto degli accordi con una pluralità di enti tra cui ACI, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Ministero dell'Interno – Servizio di Polizia Stradale, il Ministero della Difesa - Carabinieri, Polizia Provinciale e Locale, Regioni e Province autonome

Chi risponde
Polizia Stradale, Carabinieri, Polizia Provinciale, Polizia Locale e altri organi di rilevazione, come Guardia di finanza e agenti di pubblica sicurezza.

Il periodo di rilevazione
La rilevazione è totale a cadenza mensile. Nel caso di specifici accordi e convenzioni avviene con cadenza trimestrale.

I modelli di rilevazione
La rilevazione viene effettuata attraverso la registrazione dei dati e l'invio di un file contenente le informazioni concordate con l'Istat oppure mediante la compilazione del questionario cartaceo (modello Istat CTT/INC).
I criteri da seguire per l’esecuzione della rilevazione sono contenuti nelle Circolari n.2501/17 e n.2502/17 del 12 gennaio 2017.

Come consultare i risultati dell’indagine
Per la consultazione dei dati accedere al data warehouse I.stat, Tema : Salute e sanità; Sottotema: Incidenti stradali. Recenti diffusioni dei risultati della rilevazione sono disponibili al link http://www.istat.it/it/archivio/192204
Per quanto riguarda i metadati della rilevazione, nonché il contenuto informativo, si può consultare il sistema informativo sulla qualità SIQual.

Tutela della riservatezza
I dati raccolti, tutelati dal segreto statistico e sottoposti alla normativa sulla protezione dei dati personali, potranno essere utilizzati, anche per successivi trattamenti, esclusivamente per fini statistici dai soggetti del Sistema statistico nazionale e potranno, altresì, essere comunicati per finalità di ricerca scientifica alle condizioni e secondo le modalità previste dall’art. 7 del Codice di deontologia per il trattamento di dati personali effettuato nell’ambito del Sistema statistico nazionale. I medesimi dati saranno diffusi in forma aggregata, in modo tale che non sia possibile risalire ai soggetti che li hanno forniti o a cui si riferiscono.

Chi usufruisce dei dati
Gli utenti dei dati sono enti del Sistema Statistico Nazionale, ricercatori universitari e studenti, organismi nazionali e internazionali, addetti ai lavori e soggetti che operano nel campo della sicurezza stradale.
Il dato sugli incidenti stradali con lesioni a persone in Italia viene fornito, inoltre, alla Commissione Europea per l'aggiornamento della base dati CARE – Community database on road accidents resulting in death or injury -DG-MOVE European Commission.

Titolare dei dati e responsabile del trattamento
Ai sensi degli artt. 28 e 29 del decreto legislativo n. 196/2003, titolare del trattamento dei dati personali raccolti con la presente indagine è l’Istat – Istituto nazionale di statistica, Via Cesare Balbo, 16 – 00184 Roma e responsabili del trattamento per l’Istat sono, per le fasi del processo statistico di rispettiva competenza, il Direttore centrale per le statistiche sociali e il censimento della popolazione e il Direttore centrale per la raccolta dati dell’Istat. A quest'ultimo è possibile rivolgersi per quanto riguarda l’esercizio dei diritti degli interessati.

Obbligo di risposta
Questa indagine è prevista dal Programma statistico nazionale (codice IST-00142) ed è quindi una rilevazione statistica d’interesse pubblico. L’Istat è tenuto a svolgerla per legge.
L’obbligo di risposta è sancito dall’art. 7 del d.lgs. n. 322/1989. In ogni caso, la normativa vigente prevede la facoltà di rispondere o meno ad alcuni quesiti di natura “sensibile” indicati nelle varie sezioni del questionario o sul retro del questionario.

Per informazioni sui contenuti della rilevazione:
Direzione centrale per le statistiche sociali e il censimento della popolazione
Servizio Sistema integrato salute, assistenza, previdenza e giustizia
Silvia Bruzzone
Tel. 06 4673.7384 – fax. 06-4667.8257
e-mail: bruzzone@istat.it

Per informazioni sulla raccolta dati:
Direzione centrale per la raccolta dati
Servizio per la conduzione della raccolta dati da indagini dirette
fax: 06-4673.8624
e-mail: rdc_istituzioni@istat.it

tag:
autovetture, decessi, feriti, incidenti, veicoli
argomento:
Giustizia e sicurezza, Salute e sanità
tipo di documento:
Informazioni sulla rilevazione
Periodo di riferimento
Anno 2017
Data di pubblicazione
17 febbraio 2017
Contatti

Sportello per i giornalisti
tel. 06 4673.2243-4
contact centre
ufficiostampa@istat.it

Centro diffusione dati
tel. 06 4673.3102-3-5-6
contact centre

No

Per informazioni scrivi a comunica@istat.it