La valutazione dell'impatto su crescita, occupazione e innovazione

Perché valutare?

In tema di politiche pubbliche, per valutazione si intende l’individuazione e la misurazione dell’effetto generato dalla politica oggetto di analisi. L’obiettivo è quindi quello di investigare la presenza di una relazione causale tra una variabile di risultato (fatturato, addetti, utile) e l’intervento introdotto dalla normativa. L’effetto della policy è calcolato come differenza tra il risultato ottenuto in presenza degli incentivi previsti e quello misurato in assenza di essi. Nel caso delle misure agevolative sulle start-up, l’art. 32 del DL 18 ottobre 2012 n.179, comma 5, specifica che l’effetto delle policy sia misurato in termini di crescita, occupazione e innovazione.

Come fare valutazione?

La parte dell’econometrica che si occupa della stima degli effetti causali va sotto il nome di “tecnica del controfattuale”. Questa metodologia trae origine dalla statistica biomedica  e ne adotta la terminologia, distinguendo i soggetti “trattati” da quelli “non trattati”, ove i primi sono le imprese che hanno goduto dell’incentivo pubblico. Tuttavia il confronto tra i due sottoinsiemi non è informativo dell’effetto causale ed è necessario introdurre degli stimatori appropriati, variabili strumentali, propensity score matching, difference in difference, in grado di tenere conto sotto certe condizioni del processo di autoselezione delle unità trattate.

La valutazione della policy è oggetto di analisi anche da parte della Commissione europea, attraverso i lavori della Direzione della Regional Policy. In questo ambito l’Istat ha partecipato al progetto Counterfactual Impact Evaluation of Cohesion Policy.

Quando valutare le misure sulle start-up innovative?

La base dati disponibile al 2015 comprende le variabili e i relativi indicatori di performance delle imprese fino al 2013, anno di introduzione della misura, per cui nel migliore dei casi avremmo per alcune imprese una contemporaneità tra causa, la policy, ed effetto, il risultato misurato.

Da un punto di vista pratico, l’attuale disponibilità di dati consentirebbe di includere nell’analisi solo le imprese iscritte nel registro speciale nel corso del 2013 (e, per alcune di queste, le voci di bilancio sono comprensive di poste addirittura antecedenti l’iscrizione). Per poter misurare gli effetti della politica sulle startup innovative è necessario attendere almeno la seconda metà del 2016.

Ultima modifica: 01 marzo 2016