Istat.it: Ultime notizie L'Istituto nazionale di statistica, ente pubblico di ricerca, È il principale produttore di statistica ufficiale per l'Italia. Interagisce con il mondo scientifico ed opera in autonomia a supporto dei cittadini e dei decisori pubblici. http://www.istat.it/img/istat.gif 2015-04-17T11:30:00+02:00 Istat.it http://www.istat.it/it/archivio Istat.it redazionesito@istat.it http://www.istat.it Dati e analisi dell'Istituto nazionale di statistica possono essere estratti e riprodotti liberamente, a condizione che sia rispettata la loro integrità e venga citata la fonte. <![CDATA[Produzione nelle costruzioni. Febbraio 2015]]> 2015-04-17T10:00:11+02:00 2015-04-17T10:02:32+02:00 http://www.istat.it/it/archivio/156351 A febbraio 2015 l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni è diminuito, rispetto a gennaio, dell’1,3%. Nella media del trimestre dicembre 2014-febbraio 2015 l’indice è aumentato dell’1,2% rispetto ai tre mesi precedenti. L’indice corretto per gli effetti di calendario a febbraio 2015 è diminuito in termini tendenziali dello 0,8% (i giorni lavorativi sono stati 20 come a febbraio 2014). Nella media dei primi due mesi dell’anno l’indice è diminuito dell’1,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. <![CDATA[Costi di costruzione di fabbricato residenziale e tronco stradale. Gennaio 2015]]> 2015-04-17T11:04:20+02:00 2015-04-17T11:10:55+02:00 http://www.istat.it/it/archivio/156377 Nel mese di gennaio 2015 l'indice del costo di costruzione di un fabbricato residenziale rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta dello 0,5% nei confronti di gennaio 2014. <![CDATA[La cura e il ricorso ai servizi sanitari. Anni 2012-2013]]> 2015-04-17T12:44:06+02:00 2015-04-17T15:23:28+02:00 http://www.istat.it/it/archivio/156420 Le tavole proposte riportano i principali indicatori sulla cura ed il ricorso ai servizi sanitari riferiti alle informazioni raccolte nell’indagine “Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari” anno 2013, condotta tra settembre 2012 e giugno 2013. Nel 2013 il 50,6% della popolazione si è sottoposto ad una visita specialistica e il 72,4% si dichiara molto soddisfatto per l’ultima visita <![CDATA[Commercio con l'estero. Febbrario 2015]]> 2015-04-16T10:00:56+02:00 2015-04-17T15:29:39+02:00 http://www.istat.it/it/archivio/156155 Rispetto al mese precedente, a febbraio 2015 si rileva una crescita per entrambi i flussi commerciali con l’estero, più ampia per le esportazioni (+2,5%) che per le importazioni (+0,6%). L’incremento congiunturale dell’export è determinato da una crescita delle vendite particolarmente sostenuta verso i mercati extra Ue (+4,5%), a fronte di un incremento più limitato (+0,8%) verso l’area Ue. I beni strumentali (+7,6%), i beni di consumo durevoli (+3,9%) e i prodotti energetici (+2,7%) sono in espansione. <![CDATA[Prezzi all’importazione dei prodotti industriali. Febbraio 2015]]> 2015-04-16T11:03:08+02:00 2015-04-16T11:03:22+02:00 http://www.istat.it/it/archivio/156167 Nel mese di febbraio 2015 l’indice dei prezzi all’importazione dei prodotti industriali aumenta dell’1,6% rispetto al mese precedente e diminuisce del 4,7% nei confronti di febbraio 2014. Al netto del comparto energetico l’indice aumenta dello 0,2% rispetto al mese precedente e dello 0,4% in termini tendenziali. I prezzi dei beni importati presentano, rispetto al mese precedente, variazioni positive dello 0,1% per l’area euro e del 2,8% per l’area non euro. In termini tendenziali si registrano diminuzioni dello 0,4% per l’area euro e del 7,8% per quella non euro. <![CDATA[L’uso e l’abuso di alcol in Italia. Anno 2014 ]]> 2015-04-16T12:18:40+02:00 2015-04-16T12:32:26+02:00 http://www.istat.it/it/archivio/156223 Nel 2014, il 63% della popolazione di 11 anni e più ha consumato almeno una bevanda alcolica nell’anno, in leggero calo dal 63,9% del 2013. Tra il 2005 e il 2014 la percentuale dei consumatori giornalieri di bevande alcoliche scende dal 31% al 22,1%. Aumenta, invece, la quota di quanti consumano alcol occasionalmente (dal 38,6% al 41%) e quella di coloro che bevono alcolici fuori dai pasti (dal 25,7% al 26,9%).