Istat.it: Ultime notizie L'Istituto nazionale di statistica, ente pubblico di ricerca, È il principale produttore di statistica ufficiale per l'Italia. Interagisce con il mondo scientifico ed opera in autonomia a supporto dei cittadini e dei decisori pubblici. http://www.istat.it/img/istat.gif 2017-05-26T11:30:00+02:00 Istat.it http://www.istat.it/it/archivio Istat.it redazionesito@istat.it http://www.istat.it Dati e analisi dell'Istituto nazionale di statistica possono essere estratti e riprodotti liberamente, a condizione che sia rispettata la loro integrità e venga citata la fonte. <![CDATA[Indicatori territoriali per le politiche di sviluppo]]> 2011-07-20T15:40:14+02:00 2017-05-26T15:19:09+02:00 http://www.istat.it/it/archivio/16777 La “Banca dati indicatori territoriali per le politiche di sviluppo” contiene 315 indicatori (260 + 56 di genere) disponibili a livello regionale e sub regionale, per macroarea e per le aree obiettivo delle politiche di sviluppo. Le serie storiche, nella maggior parte dei casi, partono dal 1995 e arrivano fino all'ultimo anno disponibile. La banca dati è uno dei prodotti previsti dal Disciplinare stipulato tra Istat e Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica (Dps), nell’ambito del progetto “Informazione statistica territoriale settoriale per le politiche strutturali 2010-2015” finanziato con il PON Governance e Assistenza tecnica FESR 2007-2013. <![CDATA[Fiducia dei consumatori e delle imprese. Maggio 2017]]> 2017-05-26T10:07:16+02:00 2017-05-26T09:30:31+02:00 http://www.istat.it/it/archivio/200418 A maggio 2017 l’indice del clima di fiducia dei consumatori e l’indice composito del clima di fiducia delle imprese[1] diminuiscono passando rispettivamente da 107,4 a 105,4 e da 106,8 a 106,2. I giudizi dei consumatori riguardo la situazione economica del Paese rimangono stabili (il saldo a quota -51) mentre le aspettative peggiorano (il saldo da -32 a -33); continuano ad aumentare, per il secondo mese consecutivo, le aspettative sulla disoccupazione (da 29 a 33 il relativo saldo). Con riferimento alle imprese, nel mese di maggio si registrano segnali eterogenei fra i settori indagati: il clima di fiducia cala nel settore manifatturiero e in quello dei servizi (l’indice diminuisce, rispettivamente, da 107,7 a 106,9 e da 107,2 a 105,5); nelle costruzioni l’indice rimane sostanzialmente stabile (da 128,0 a 128,1) e nel commercio al dettaglio registra un incremento passando da 110,8 a 111,1. <![CDATA[Fatturato dei servizi. I trimestre 2017]]> 2017-05-26T11:10:09+02:00 2017-05-26T10:22:18+02:00 http://www.istat.it/it/archivio/200425 Nel primo trimestre del 2017 l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi) aumenta dell’1,6% rispetto al quarto trimestre 2016. La crescita del fatturato è, oltre che consistente, anche diffusa: gli indici destagionalizzati registrano in tutti i settori variazioni congiunturali positive. In particolare le Agenzie di viaggio e i servizi di supporto alle imprese (+4,3%), il Trasporto e magazzinaggio (+2,1%), il Commercio all’ingrosso, commercio e riparazione di autoveicoli e motocicli (+1,7%), le Attività dei servizi di alloggio e ristorazione (+1,2%), le Attività professionali, scientifiche e tecniche (+0,6%) e i Servizi di informazione e comunicazione (+0,2%). <![CDATA[Fatturato e ordinativi dell’industria. Marzo 2017]]> 2017-05-25T10:10:41+02:00 2017-05-25T09:21:02+02:00 http://www.istat.it/it/archivio/200359 A marzo, nell’industria, si rileva un incremento del fatturato dello 0,5% rispetto al mese precedente, che consolida il più ampio aumento di febbraio. Nel complesso del primo trimestre la crescita, rispetto ai tre mesi precedenti, è dello 0,4%. Gli ordinativi, invece, a marzo segnano una diminuzione congiunturale (-4,2%), annullando in buona parte l’incremento di febbraio. Nel complesso del primo trimestre la dinamica resta positiva, con un aumento dell’1,5% rispetto al trimestre precedente. <![CDATA[Commercio estero extra Ue. Aprile 2017]]> 2017-05-25T11:07:51+02:00 2017-05-25T10:07:08+02:00 http://www.istat.it/it/archivio/200374 Ad aprile 2017, rispetto al mese precedente, entrambi i flussi commerciali sono in contrazione, con una diminuzione più marcata per le esportazioni (-4,9%) che per le importazioni (-0,8%). Il surplus commerciale (+2.556 milioni) è in diminuzione rispetto a quello dello stesso mese del 2016 (+3.602 milioni). Il surplus nell’interscambio di prodotti non energetici (+5.097 milioni) è in flessione rispetto ad aprile 2016 (+5.598 milioni). <![CDATA[Gli indicatori dell’Istat per gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs – Sustainable Development Goals) delle Nazioni Unite]]> 2017-05-23T11:46:41+02:00 2017-05-24T16:48:12+02:00 http://www.istat.it/it/archivio/200277 Disponibili i nuovi indicatori di sviluppo sostenibile relativi a diversi ambiti dello sviluppo sociale, economico e ambientale. Proseguire nello sviluppo economico e sociale che assicuri il soddisfacimento dei bisogni della generazione presente senza compromettere la possibilità di soddisfare quelli delle generazioni future. È questa la definizione generalmente condivisa di “sviluppo sostenibile” che, in questa accezione, viene collegato alla compatibilità tra sviluppo delle attività economiche e salvaguardia dell’ambiente. Istat.it
.

Appuntamenti

____

Contenuti interattivi

Contenuti interattivi

Scorciatoie